Expo Gate: appuntamenti di dicembre #ExpoNatale


Dall’1 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015 Expo Gate offre un programma ricco di occasioni per festeggiare insieme attraverso il cibo, la musica, il gioco, l’arte e la fotografia, con nuova attenzione alla sostenibilità, rivisitando tradizioni locali e globali.

Dall’1 di dicembre, fino all’Epifania, la piazza tra i due padiglioni di Expo Gate si addobba a festa con un’installazione green dedicata all’irrinunciabile tradizione dell’albero di Natale, #ExpoNatale, ideato da Expo Gate in collaborazione con Green Italia Network, è un viale di abeti composto da 18 esemplari  alti dai 6 ai 2 metri. I temi dell’ecologia e dell’ambiente non vanno in vacanza, per questo Green Italia Network – la prima rete italiana di Imprese florovivaistiche e di giardinaggio nata con il patrocinio di Confagricoltura Lombardia per partecipare alla realizzazione delle opere a verde di Expo Milano 2015 – propone, il 10 dicembre dalle ore 11.00, Think GreenThink Expo un incontro per fornire al pubblico spunti utili per vivere la festa all’insegna della sostenibilità ambientale.



I primi giorni del palinsesto di dicembre di Expo Gate, dal 2 al 4, vedono protagonista l’Accademia Teatro alla Scala, la prestigiosa istituzione di fama mondiale, eccellenza milanese di prim’ordine, che, coi suoi quattro dipartimenti Musica, Danza, Palcoscenico-Laboratori e Management, forma nuovi talenti. Tre giornate in cui, nel suggestivo spazio Sforza di Expo Gate, è possibile scoprire l’universo dello spettacolo dal vivo attraverso lezioni aperte ed esibizioni musicali e di ballo: dall’esecuzione dei pas de deux Adagio della Rosa e Gymnopedie, alle arie interpretate dai giovani solisti dell’Accademia, oltre ai laboratori di scenografia e costume ispirati all’opera lirica Cenerentola e dedicati ai più piccoli . Un programma che offre un inedito “dietro le quinte” dell’universo scaligero, scandendo in modo trasversale e partecipato l’avvicinamento all’atteso rito meneghino della Prima alla Scala (domenica 7 dicembre) che apre ufficialmente il periodo delle festività natalizie.

Dalle 17.30 del 3 dicembre è il momento di Fame di Felicità, un appuntamento benefico organizzato da ABA - Associazione Bulimia Anoressia fondata da Fabiola De Clercq nel 1991 - e A.GEN.D.A - Associazione Genitori Disturbi Alimentari. Si comincia con una tavola rotonda moderata dallo psicoterapeuta Italo Bosani. Dalle 19.00 alle 21.30 col Charity Shopping è possibile trovare delle occasioni per dei regali glamour e solidali allo stesso tempo grazie alle T -shirt realizzate appositamente grazie al contributo di fotografi di fama internazionale come Lorenzo Bringheli, Max Cardelli, D21 Massimo Morgante + Fabrizio Ruffo, Tanya Jones, Gianni Pezzani, Giampaolo Sgura e Carter Smith.

Il 4 Dicembre, alle 18.30, una conversazione aperta sul tema della sharing economy, moderata da Massimo Russo, direttore di Wired, in cui April Rinne, consulente ed esperto globale del settore, fornisce una prospettiva internazionale, mentre l’Assessore Tajani presenta un’agenda maggiormente dettagliata delle prossime iniziative che la città di Milano vuole intraprendere.

L’arte come strumento di lettura del rapporto tra le comunità milanesi e il cibo è lo spunto che anima Expo Gate nel pomeriggio del 5 dicembre a partire dalle 15.00 con Laboratorio Expo, progetto di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli ed Expo Milano 2015 a cura di Salvatore Veca. Quattro artisti internazionali, Adrian Paci, Steve Piccolo, Emilio Fantin e Maria Papadimitriou, hanno condotto progetti di riflessione artistica in luoghi particolari di commensalità: una scuola, un campo Rom, un centro per rifugiati e un centro per senza fissa dimora. I risultati saranno esposti al pubblico accompagnati dalle riflessioni dell’antropologo Ivan Bargna e dalla curatrice artistica Gabi Scardi. Dalle 19.30 il musicista Steve Piccolo presenterà i risultati del workshop dedicato al panorama sonoro del cibo e della convivialità, facendoci immergere in una performance ispirata al percorso condotto nelle scuole milanesi.

Fino al 21 dicembre spazio Garibaldi si trasforma in una temporary kitchen realizzata in collaborazione con Valcucine. Jam Sessions. Laboratori sulla conservazione alimentare, questo il titolo de progetto, consiste in una vera e propria cucina dove cuochi, personalità del mondo del design e della cultura e pubblico si ritrovano per preparare conserve e confetture e raccontarsi storie sulle loro esperienze di vita e di gastronomia. Il mangiare sano, la diminuzione degli sprechi, l’agire in modo responsabile, temi cari a Valcucine - il brand di interior design conosciuto in tutto il mondo per le sue cucine sostenibili – e in sintonia con l’impostazione di Expo Milano 2015. Si comincia martedì 2 dicembre, con un intervento introduttivo della food blogger Lisa Casali, che parlerà delle conserve come rito, tradizione e momento di apprendimento e di scambio all’interno di ogni comunità. Per continuare ogni mercoledì, giovedì e venerdì, in pausa pranzo, quando i milanesi, ma anche i turisti di passaggio, possono assistere e partecipare gratuitamente a una serie di lezioni interattive a cura di TourDeFork. Questo studio di design, specializzato nella creazione di prodotti ed esperienze culinarie innovative, coinvolge i partecipanti in un processo produttivo cooperativo che, utilizzando solo arance e limoni biologici di stagione, porta alla realizzazione di una varietà di conserve in vasi di vetro: marmellate, gelatine, chutney, limoni sotto sale, scorze candite, schnapps e sale aromatizzato. Durante i weekend il laboratorio di conserve è aperto tutto il giorno, con una cuoca professionista che mette la sua esperienza al servizio dei visitatori di Expo Gate. Al termine della preparazione, i partecipanti possono portare via con sé i vasetti prodotti, a patto di lasciarne uno nella credenza di Valcucine. I vasetti raccolti, ciascuno con la firma del suo autore, sono poi messi in mostra all’interno degli spazi di Expo Gate.

Calendario quotidiano su www.expogatemilano.org

SDC

Nessun commento:

Posta un commento

Ti è piaciuto il nostro pranzo?

Instagram