6 ottobre, CHEF RUBIO INAUGURA IL CICLO DI LEZIONI DI CUCINA NEL CARCERE DOZZA DI BOLOGNA

CHEF RUBIO INAUGURA IL CICLO DI LEZIONI DI CUCINA NEL CARCERE DOZZA DI BOLOGNA

Giovedì 6 ottobre Chef Rubio inaugura il seminario di cucina rivolto ai detenuti della Casa Circondariale di Bologna promosso dalla coop. Soc. Siamo Qua.

Fatto tesoro della recente esperienza alle Paralimpidi di Rio, dove ha cucinato per gli atleti Azzuri come Chef ufficiale di 'Casa Italia', Rubio terrà una lezione di due ore sulla gestione e preparazione dei cibi per le mense. Si tratta di un ulteriore impegno del cuoco frascatano nel segno della 'buona cucina' intesa come nutrimento per il bene sociale di ogni categoria socio-culturale o di genere, attraverso la covivialità e l'integrazione.

L'appuntamento con i detenuti a Bologna fa seguito alle passate esperienze di Rubio nel carcere delle Vallette di Torino al fianco della squadra di rugby LA DROLA e ai fornelli del carcere di LaSpezia con il Progetto Accanto Team LaSpezia. 'L'intenzione – spiega Chef Rubio – era quella di tornare in carcere con Marco Pannella. Cosi' c'eravamo promessi a gennaio durante una diretta su Radio Radicale: lui avrebbe digiunato ancora per il diritto e la legalità all'interno delle carceri ma da ottimo cuoco qual era avrebbe spadellato volentieri assieme a me per dare a chi ha sbagliato una chance di costruire un futuro lavorativo dopo il fine pena. Questa lezione sarà la mia promessa mantenuta in quel solco comune tracciato da Pannella'.

'La ristorazione è un ambito che offre opportunità di lavoro reali. L'obiettivo di questo seminario – spiega Silvia de Pasquale della coop. Soc. Siamo Qua, che già gestisce la sartoria Gomito a Gomito nella sezione femminile – è quello di valorizzarne le potenzialità all'interno del carcere, dando la possibilità ai detenuti che hanno già frequentato il corso di cucina di acquisire nuove professionalità e, perché no, tentare di stabilire le premesse per l'art. 21 o possibilità lavorative future'.

E ancora: 'Se la privazione della libertà personale ha un senso, questo va ricercato nella possibilità di una ri-educazione che la Costituzione Italiana sancisce nell'art. 27: "Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato".

Al seminario di cucina partecipano le persone detenute che hanno già frequentato un corso di formazione interno di circa 300 ore per Addetto alla preparazione dei pasti, e che già lavorano nella cucina dell'istituto penitenziario divisi in due brigate. Seguiranno le lezioni degli chef: Vincenzo Vottero Vintrella, Massimiliano Poggi, Francesco Oppido, Carlo Alberto Borsarini.

I detenuti della redazione del giornale on-line "Ne vale la pena" (www.bandieragialla.it) intervisteranno gli chef e faranno un reportage del seminario.


The Lunch Girls

The Lunch Girls, il blog. Segui i consigli delle ragazze e scegli dove andare a mangiare. The best restaurant on Italy.

3 commenti:

  1. Il chef Rubio e molto conosciuto, nella paralimpiada e adesso con lezioni di cucina. Sono sicura che e un hef fantastico e mi piace molto la cucina italiana! Una bella giornata a voi!
    DenisesPlanet.com

    RispondiElimina
  2. Un'iniziativa davvero brillante, bravo chef Rubio! ^-^
    www.milleunrossetto.blogspot.it

    RispondiElimina
  3. magari potessi partecipare.. che iniziative stupende

    RispondiElimina

Ti è piaciuto il nostro pranzo?

Instagram