LE CELEBRITY DICONO ADDIO AL MOJITO E PER UN ESPERTO SU 2 IL VERO MUST DELL’ESTATE SONO I COCKTAIL ANALCOLICI

Glamour, colorati e salutari: dalle localita’ di mare alle grandi capitali internazionali l’ultima tendenza, lanciata dalle celebrity del calibro di Kim Kardashian e Jennifer Lopez, per l’estate 2014 sono i cocktail e gli aperitivi di qualita’ e analcolici. Out alcol ed eccessi, si’ a gusto e ricercatezza degli ingredienti.

Riviste e classifiche internazionali fanno a gara a individuare tutte le celebrities mondiali che non possono fare a meno di questo nuovo trend. Da Jennifer Lopez a Katy Perry, da Kim Kardashian a Leona Lewis. Lo rivendicano anche i locali piu’ trendy d’Italia, come il Sabot di Santa Margerita o il Gilli 1773 di Firenze, il The Sign di Pozzuoli, come il Rakija di Trapani. Caro vecchio mojito addio. Gli esperti non hanno dubbi: nelle spiagge e nelle grandi citta’ l’aperitivo diventa un’arte di qualita’, sia nella preparazione che nello stile di vita. Secondo il 52% dei barman monitorati, sempre di piu’ emerge una grande attenzione alla qualita’ degli ingredienti (82%) e alla territorialita’ dei prodotti (75%). Ma spazio anche alla fantasia e all’innovazione, attraverso l’esplorazione di nuovi territori e nuovi sapori: salgono tra gli esperti frutta (47%), erbe aromatiche (39%) e spezie (53%) per la preparazione di nuovi e piu’ accattivanti drink analcolici.

Una tendenza confermata dallo studio promosso dal Sanbitte’r Aperitivo Cool Hunting, l’osservatorio sulle tendenze dell’arte dell’aperitivo dello storico analcolico italiano di Sanpellegrino, attraverso un’analisi condotta su circa 100 testate lifestyle internazionali e 1.300 siti dedicati ai nuovi trend e al divertimento “fuori casa”.

Che lo si proponga al The Brink di Liverpool o al Buenavista di Gallipoli, a contraddistinguere l’arte dell’aperitivo e’ la qualita’ (63%) la raffinatezza e l’eleganza (78%). Riviste e classifiche internazionali fanno a gara a individuare tutte le celebrities mondiali che non possono fare a meno di questo nuovo trend. Da Jennifer Lopez a Katy Perry, da Kim Kardashian a Leona Lewis. Tante le star che a ogni angolo del globo subiscono il fascino dell’arte dell’aperitivo all’italiana. Rolling Out stila una lista di Celebrities che hanno abolito l’eccesso a favore della qualità: l’attore Tobey Maguire, la modella Tyra Banks, la cantante e attrice Jennifer Lopez, la cantante Katy Perry, l’attrice Jada Pinkett-Smith, l’attrice di “Sex and the City” Kristin Davis, la cantante Leona Lewis, il calciatore David Beckham, la reality star Kim Kardashian, la cantante Ellie Goulding, l’attrice Christina Ricci. E a sperimentare quest’arte in prima persona sono anche Jennifer Aniston, Jessica Simpson e Eva Longoria, quest’ultima lanciata dal serial cult “Desperate Housewives”. Secondo quanto riportano le cronache mondane del L.A. Times “nelle loro ville californiane durante gli abituali party hanno indetto delle vere gare tra i loro ospiti per creare nuovi drink rigorosamente analcolici”. La famosa modella Claudia Schiffer al Daily Mail ha dichiarato che “per mantenermi in forma non bevo mai alcol”. Infine
Jennifer Lopez a Glamour ha affermato che “non bevo alcol perché rovina la pelle”.

Cambia il modo di fare l’aperitivo che diventa una vera e propria “arte”. Secondo esperti e trendsetter, sono ormai out gli “eccessi”, sia per quanto riguarda cio’ che si beve e mangia (88%), sia nell’atmosfera e nello stile del locale (81%). “L’arte dell’aperitivo” sposa la selezione di ingredienti e prodotti (82%) e la cura nelle presentazioni (66%) con la sperimentazione di drink creativi rigorosamente analcolici (59%) e dai nuovi sapori a base di erbe aromatiche, frutta e spezie (57%).

Ma quali sono le nuove tendenze dell’aperitivo? “L'aperitivo assolve da sempre a due funzioni: prepara al pasto e funziona da elemento socializzante – spiega Stefano Nincevich, trendsetter nel mondo dei locali e della mixology –. Pochi conoscono i cocktail leggeri, tanto meno le loro caratteristiche, per questo è tempo di restituirgli dignità. In fondo parliamo di primi attori della mixability. Nella grande famiglia ci sono tipi di ogni genere: dai mix con gelato (Ice cream drinks) COCKTAIL ANALCOLICI ai drink profumati con spezie ed erbe aromatiche, dalle specialità più piccanti a quelle più innocenti come smoothie e lassi, drink di origine indiana a base di yogurt e spezie”.

Non solo, secondo i barman dei locali piu’ glamour del Bel Paese e’ necessario prestare sempre piu’ attenzione alla cura e la spettacolarizzazione delle presentazioni, come accade nella cucina d’autore (66%). E se il 7% ritiene che l’aperitivo dovrebbe essere codificato ed identico in tutto il territorio, il 93%, invece e’ assolutamente convinto che deve essere legato ad abitudini e prodotti locali. Su una cosa pero’ c’e’ uniformita’ di vedute: no a prodotti “dozzinali” e stereotipati (63%), cosi’ come ad ambienti eccessivamente affollati e pieni di rumore (49%). Di contro, il vero aperitivo all’italiana d’autore deve presentare una grande qualita’ nella scelta di cio’ che si propone (67%), ma anche in tutti quegli accessori che contribuiscono alla presentazione, dai bicchieri alle ciotoline, ecc. (56%).

Quest’arte è infatti protagonista dei principali locali internazionali come il Redemption Bar di Londra, situato nella zona est della metropoli londinese, diventato simbolo, come ha spiegato il The Guardian, “del bere socialmente consapevole non solo di giorno, ma anche nel cuore della notte”.

Altro locale che porta avanti questo trend è il The Other Side di Chicago, locale che, come riporta Huffington Post, “ha scelto di puntare su uno stile di qualità, offrendo un ambiente sano ai propri clienti”. Anche il The Brink di Liverpool, e l’ Elysee Montparnasse di Parigi, offrono alla loro clientela drink analcolici che attirano ogni sera un folto numero di clienti; su questa scia, sono anche numerosi i corsi che forniscono a barman e barlady nuove proposte e nuove tendenze nel mondo dei cocktail analcolici attraverso l’uso della frutta e di tecniche di miscelazione avanzate, da proporre nelle varie fasce orarie, dall’aperitivo al dopo cena.

E l’Italia, non e’ da meno. Lo ha dimostrato il Tour Emozioni di Sanbitte’r che, partendo dalle principali mete turistiche nazionali ha fatto tappa nei locali piu’ glamour dal Nord al Sud dello Stivale, dove l’Arte dell’Aperitivo e’ diventata un must. Come il Noon o il Jazz Cafe’ di Milano, La Goletta Pub di Genova, il Miramare Wine Bar di Varazze o il Sabot di Santa Margherita. Sulla Riviera Romagnola, il Newport Beach di Rimini, la Movida di Riccione e il Cervia Mare di Cervia. Per non parlare della Versilia, dove il Bar Pietrasantese di Pietrasanta e il Bar Baroni del Lido di Camaiore offrono un vero e proprio “aperitivo all’italiana”. Nel Sud Italia, l’una e l’altra costa concorrono per il miglior aperitivo di qualita’, a Napoli primeggia il Monide’e Cafe’, mentre a Pozzuoli il The Sign. A Vieste accoglie i turisti all’ora dell’aperitivo il White Bart’s Cafe’, a Otranto il Lounge Bar Maestrale, a Gallipoli il Lido Zen e il Buenavista. Nelle Isole, infine, l’aperitivo all’italiana e’ di tendenza in alcuni dei locali piu’ glamour di Sicilia e Sardegna: il Rakija di Trapani, il Bar Cavour di Palermo, come il Nord Est Café di Olbia.

ESTATE: LE 10 REGOLE D’ORO DELL’ARTE DELL’APERITIVO

Analcolico è bello
Fa caldo, c’è la prova costume, si trascorre la giornata in spiaggia... Meglio optare per un analcolico! Anche perché, chi l’ha detto che il divertimento fa rima necessariamente con alcool? Il drink analcolico non è certamente figlio di un dio minore poiché riesce a regalare momenti convivialità, svago e piacere puntando sullo stile, sui dettagli e sull’eleganza. Anche sotto l’ombrellone.

Fatti sedurre dal colore
L’estate è la stagione della spensieratezza, dei colori accesi, delle tinte vivaci. Se sei a corto di ispirazione e non sai cosa bere, un modo divertente può essere quello di affidarsi al colore e quindi lasciare che sia l’occhio a farsi sedurre. Magari abbinando il cocktail a costume e pareo. Frutta, spezie, erbe aromatiche sono la nuova frontiera dell’aperitivo analcolico.

Fidati del barman
Non farti intimorire dal chiedere consigli al barman. Chiringuito che vai, cocktail che trovi. Fidati della competenza e creatività del barman e lasciati stupire.

Mai in disparte
L’aperitivo è il momento dell’incontro per antonomasia, soprattutto in estate. Per questo non bisogna mai mettersi in un angolo a sorseggiare e mangiare da soli. La gestualità è importantissima. Parole, sorrisi e buon umore non devono mai mancare.

Preparazione=fantasia
Aperitivi sul terrazzo, cene in giardino, stuzzichini al rientro dalla spiaggia prima di uscire... la bella stagione e il maggior tempo libero offrono molteplici occasioni per sbizzarrirsi e stupire parenti e amici. Se vuoi preparare un drink puoi andare oltre le ricette più conosciute e lasciarti ispirare dal gusto e fantasia. Non avere paura di preparare un cocktail: il segreto dell’aperitivo è quello del dono, sia che si tratti di esperienze da raccontare che di drink da sorseggiare.

Dai qualità ai tuoi appetizer
È importante saper trovare il giusto equilibrio tra gli alimenti ma la cosa che più conta è partire da materie prime di qualità, magari lasciandosi ispirare dalle tradizioni locali dei luoghi in cui si trascorre la vacanza.

Cibo per gli occhi
Finger food, assaggini e tartine non devono soddisfare solo il palato ma il gusto inizia dallo sguardo. Per questo la forma è un must assolutamente irrinunciabile poiché prima mangiamo con gli occhi poi con la bocca.

No alla standardizzazione dell’offerta
Qualità, creatività e soprattutto prodotti del territorio sono alla base dell’arte dell’aperitivo.

Cura i particolari
Come ogni arte che si rispetti, dozzinalità e superficialità non sono contemplate, sia per gli “accessori” che per le presentazioni.

No agli eccessi
È raccomandato, oltre che elegante, non abbuffarsi. Per questo è importante anche pensare, in fase di preparazione del buffet, a poco cibo ma di qualità.

SDC

5 commenti:

  1. Sono felice di questa nuova tendenza!!! Meglio, poi sono astemia!!! Baci Elisabetta

    RispondiElimina
  2. Meglio così, anch'io sono astemia e non mi piace vedere troppo alcool in giro!

    TruccatiConEva

    RispondiElimina
  3. ...io preferisco l'aperitivo analcolico...non amo molto gli alcolici...e senza un pasto vero e proprio non li reggo ahah!!!
    ...un bacione!!!

    RispondiElimina
  4. a me piace molto il mojito, ma anche un buon cocktail analcolico

    www.UnconventionalSecrets.it

    RispondiElimina
  5. I don't understand to much
    But sound like a delicious recipe for appetitive :)
    Great post darling
    xoxo
    http://stunningchic.com/

    RispondiElimina

Ti è piaciuto il nostro pranzo?

Instagram